Ti trovi: Home Articoli della Liu He School Yi-Qi-Li (pericolosa sintetizzazione)

Sondaggi

Quante ore ti alleni durante il giorno?

Vinaora Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday222
mod_vvisit_counterYesterday198
mod_vvisit_counterThis week1309
mod_vvisit_counterLast week1543
mod_vvisit_counterThis month3939
mod_vvisit_counterLast month6241
mod_vvisit_counterAll days598591

Online (20 minutes ago): 4
Your IP: 34.201.121.213
,
Today: Lug 18, 2019

Disclaimer:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Per chi ama le Arti Marziali
Yi-Qi-Li (pericolosa sintetizzazione) PDF  | Stampa |

Per chi come me bazzica (ritenermi un esperto sarebbe folle) un po' gli ambienti delle arti marziali cinesi (di matrice interna) sarà già entrato in contatto con la terminologia presente nel titolo (Yi-Qi-Li) che tradotto banalmente vorrebbe dire:

Lo Yi (intenzione) interagisce/muove il Qi (energia interna) che a sua volta interagisce/muove il Li (fisico, o forza fisica).

Effettivamente queste iterazioni sono realmente importanti e sintetizzano realmente l'espressione del gesto marziale ad altissimi livelli; è questo il problema ... parliamo di altissimi livelli. Spesso, troppo spesso sento persone che si riempiono la bocca di tale flusso procedurale, ma poi alla base muovono solo il Li e pure male, questo perchè si ha fretta di voler avere quel livello di pratica.

Partiamo da un concetto non si può "avere un livello di pratica", "si è un livello di pratica", quindi fino a quando non si riesce a "fare" (e quindi "essere capaci di") si abbia la decenza di tacere su tale argomento, figuriamoci insegnarlo.

Ogni tanto vado a qualche stage non necessariamente Nei Dan, e vedo persone che vagano volendo sentire il "Qi" di un tal Maestro o peggio ancora volendo far sentire a dei neofiti qualche qualità corporea etichettandola come "Qi".

Questi sono i mali che affliggono questo mondo marziale: vi è troppa "sega mentale" e poca pratica seria (che non significa necessariamente ammazzarsi di botte, anche se ogni tanto qualche schiaffo in un contesto non prestabilito sarebbe bene riceverselo).

Ma torniamo in tema, Yi-Qi-Li è solo una faccia di una medaglia composta anche dalla controparte Li-Qi-Yi, ovvero un rigoroso lavoro sul corpo e sulla forza (non quella dei guerrieri Jedi sia chiaro) che se effettuato correttamente influenza il Qi (cosa che non va controllata dal pensiero coscente, ma è un risultato) che a sua volta permette di interfacciarsi e allenare anche la propria intenzione (cosa che non avviene se il lavoro sul corpo è errato).

Non mi dilunghero su quale tipo di lavoro andrebbe fatto, però non si tratta solo di pratica dolce, ma anche e sopratutto di Nei Gong, condizionamento e combattimento (almeno un po' in gioventù e il più variegato possibile sarebbe meglio).

Se c'è una cosa che penso di aver intuito (non capito sia chiaro) è che i cosiddetti segreti degli stili interni sono dei punti di arrivo dal quale ci si guarda indietro. E' come scalare una montagna, quando sarò in punta guarderò verso valle, ma quando sono all'inizio o durante il tragitto il mio sguardo è diretto verso la cima.

Così possiamo capire che Yi-Qi-Li non è realmente importante, lo è molto di più Li-Qi-Yi: alla fine si tratta di pragmaticità, un metodo deve indirizzare verso un risultato e non deve allontanarci da esso (anche e soprattutto nella sua sintetizzazione volta al trasferimento delle propria esperienza).

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Slideshow by phatfusion
Design by Next Level Design Lizenztyp CC